Guida all’acquisto di porte interne

Guida all’acquisto di porte interne

Scegliere un modello di porta interna da mettere nella propria abitazione non è sempre immediato e soprattutto bisogna prima conoscere quante tipologie di porte interne esistono per fare una scelta più mirata alle proprie esigenze. 
Ci sono diversi fattori che bisogna tenere presente tra cui: il modello della porta interna, la finitura della porta interna ed infine il costo della porta interna

Le porte interne si suddividono in diverse categorie e diverse tipologie. Le tipologie delle porte interne sono: Le porte a battente, le porte scorrevoli interno muro , le scorrevoli esterno muro, le libro ( simmetriche e asimmetriche ) e le rototraslanti.
Le categorie più conosciute sono:   
- le porte Tamburate
- le porte Listellari 
- le porte in Massello.

Le porte interne Tamburate non sono per niente sinonimo di scarsa qualità come erroneamente qualcuno può pensare, è semplicemente un sistema di costruzione delle porte interne.
Se ad esempio si è orientati su modelli semplici, ciechi/lisci senza lavorazioni, la porta interna tamburata è la scelta ottimale perchè con questo sistema si può fare una porta interna completamente liscia, senza rilievi o giunture.
Tamburato:
si definisce così perchè è come un tamburo, al suo interno è quasi vuota, è costituita da un pannello di Mdf da (4mm + cartone a nido d’api + un altro pannello di Mdf da 4 mm), per uno spessore totale di 44 mm, che a sua volta è rivestito (impiallacciato) in laminatino o in essenza di varie tipologie di legno.
Dobbiamo dire che negli ultimi anni il laminatino ha spreso il sopravvento, grazie alle nuove finiture effetto legno poro aperto e/o spazzolati che sono belli sia da vedere che da toccare e soprattutto con prezzi decisamente convenienti.
Le porte interne tamburate oltre ad essere rivestite, possono anche essere laccate, di solito il bianco è il colore standard ma si possono avere in tutti i colori da tabella Ral.
E con questo sistema si possono avere le varie tipologie di porte che abbiamo menzionato prima, le porte battenti, che sono le piu’ usate, le porte scorrevoli interno muro, che sono porte salva spazio, ma necessitano di un controtelaio a scomparsa nel muro, che si mette al posto della parete, porte a libro e rototraslanti tutte porte salva spazio.
Questo sistema di produzione, la tamburata, e’ la piu’ adattabile per tutte le tipologie di porte.
Chiaramente si possono avere anche porte a vetro e porte con inserti in metallo che impreziosiscono il prodotto.

Esistono poi le porte laccate pantografate, che sono sempre delle porte tamburate, con la differenza che i due pannelli di facciata sono di 10 mm di spessore anzichè 4 mm e su di essi viene eseguita una pantografatura che richiama alcuni modelli: ad esempio 1 bugna, 2 bugne, 3 o 4 bugne, nelle versioni cieche (senza vetro)  o vetrate. 
Le porte laccate pantografate  possono essere prodotte in varie tipologie: porte battenti, porte scorrevoli interno muro e scorrevoli esterno muro, porte a libro ( simmetriche e asimmetriche ) e rototraslanti.

Ci sono poi le porte in Listellare:
Sono porte interne costruite con montanti, verticali e orizzontali, assemblati insieme in maniera da costruire una porta. A seconda di come vengono posizionati si definiscono i vari modelli.
Questi montanti  sono composti da listellini di abete incollati assieme, da costituire un travetto e rivestiti in laminatino o in essenze di legno.
Poi ci sono dei pannelli  ciechi/lisci o vetrati che compongono la parte centrale della porta interna e a seconda di come vengono messi si crea il modello della porta.
Ci sono dei modelli di porte in listellare che non si possono fare col sistema tamburato e viceversa.
Anche per le porte in listellare c’e’ la possibilità di averle in varie tipologie di aperture: porte battenti, porte scorrevoli interno muro ( detta anche sporta scrigno ), porte scorrevoli esterno muro, con relativa mantovana e montante di battuta, porte a libro ( simmetriche e asimmetriche), non abbiamo la rototraslante su questa versione.

In ultimo  ci sono le porte in Massello che sono le più pregiate e di conseguenza tra le più costose.
In questo caso si deve scegliere il tipo di legno ( rovere, toulipier, faggio, frassino larice, pino ecc. ) la tonalità di colore ed il modello.
Anche con le porte in massello si possono avere sia modelli classici che modelli moderni, e varie tipologie di apertura, porte battenti, porte scorrevoli interno muro, porte scorrevoli esterno muro, e porte rototraslanti, non abbiamo le porte a libro.
In pratica massello significa che le porte interne sono in vero legno pieno e le migliori sono con struttura in lamellare, cioè costruite in 2 o 3 strati di legno sovrapposto .
E’ scontato dire che delle porte in massello moderno o porte in massello classico creano un ambiente caldo e confortevole.
Le porte interne indipendentemente dalla categoria d’appartenenza, creano un ambiente caldo e confortevole, e cambiano l’aspetto della casa.



credits mojlab